Serie
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z Altro
    • 0
    • 0

 Many people refer alcoholism to the social promiscuity and permissiveness. Others regard it as the immoral behavior leading to the social degradation. Unfortunately, only a few are aware of the fact that alcoholism is the severe disease characterized by metabolic changes due to which a person is unable to stop after the first drink. At first, people enjoy consuming alcoholic beverages. However, in the course of time, the stable association that alcohol is the pleasure is formed in the human brain. In this case, there develops the psychological dependence. Alcoholism is a set of bad habits related to alcohol abuse, adverse impact on health, life, work, and general well-being. The paper seeks to examine the causes and effects of alcoholism as a psychological and physical dependence on alcohol that is manifested in the metabolic processes of the human body and develops as a result of chronic abuse.

rn

Alcoholism is a serious illness related to chronic pathologies which subordinate will, destroy the psyche, degrade individuals, and adversely affect the functioning of all the internal organs and systems. If a person does not quit consuming alcohol excessively, he/she may die or get into the alcoholic coma. The multi-faceted factors serve as an impetus for the development of alcoholism (Alters & Schiff, 2013). The most common one are the established drinking traditions. Individuals drink with colleagues, classmates, relatives, and family members on any occasion. Non-drinkers are often perceived as the anti-social elements and are condemned by others.

rn

Gradually, the reasons to drink become far-fetched as a person seeks to take another dose of alcohol. In such circumstances, even a man with the strong spirit cannot resist. Another social cause of alcoholism is the lack of interest in the chosen specialty and work performed. The inability to confront the serious life issues also poses a challenge (Prentiss, 2010). It can be a betrayal, divorce, family discord, loneliness, loss of a loved one and the deadly disease. Trying to forget about the difficulties, people tend to compensate the depressed state with the artificial feeling of joy and euphoria. Poor living conditions, housing issues, the lack of permanent income, inadequate nutrition, and poverty motivate people to drink alcohol. Therefore, they start abusing it out of the despair to deal with the bitter reality. Some occupations provoke a tendency to consume alcohol due to the excessive psychological stress, risk to one’s own life, availability of alcoholic beverages, increased responsibility to others, and the suppression of the inner self.

rn

Research on the abstainers, people who drink regularly, and those who suffer from addiction reveals biochemical changes manifested in individuals, who have been abusing alcoholic beverages for a long time. However, it is not clear whether this is due to the excessive drinking. Metabolic processes through which the body gets rid of alcohol quickly develop in the majority of alcoholics. These processes do not occur in healthy people. Individuals, who abuse alcoholic beverages, have a much better tolerance to alcohol. Emotional stress causes physiological changes in the body, but experiments do not confirm that they are the first fundamental cause of alcoholism. However, researchers claim that the development of alcoholism is associated with the certain physical characteristics.

rn

It has been proved that children whose parents are alcoholics have a 25% higher risk of developing dependence than children of non-drinking parents (Gunn & Taylor, 2014). Genetic factors undoubtedly affect one’s susceptibility to alcohol. However, it is not the main cause of the problem. Experts highlight the social and psychological factors and claim that the genetic factors are only the basis on which they operate.

rn

Everything depends on the person, his ability to adapt to the surrounding world, life circumstances, as well as the nature of the tendencies of the human mind. In this case, people drink to get free from restrictions, gain confidence, find their own place in life, stop being afraid, avoid panic attacks, anxiety, get rid of sadness, aggression, and escape from complexes. Due to the nature of tthe psyche, a person sometimes cannot express hisher  own views directly; therefore, he/she starts consuming alcoholic beverages to attract attention. It can be also applied to all other cases where alcohol supposedly helps a person to have better self-realization. Spleeny and anxious people suffer from alcohol addiction as they try to get rid of their fear and troubles.

rn

Throughout their lives, drinkers are faced with many issues, namely aggressiveness and loss of self-control in a state of intoxication and hangover, accidents, hypothermia and overheating in the state of extreme intoxication, and alcohol poisoning. Moreover, alcoholics are at a great risk of developing cirrhosis of the liver, cancers, cardiovascular diseases, psychoses, and disability. In addition, they are often arrested for being drunk in public. Alcohol addiction increases conflicts in the family and may even lead to its destruction.

rn

The social consequences of alcoholism are considerable. It increases the number of traffic and working accidents as well as economic costs associated with the payment of disability benefits, and the fight against crime in a state of intoxication. Alcoholism also leads to the work absenteeism and lost productivity. Alcohol abuse reduces the life expectancy for about twenty years, and it often causes premature death from infectious diseases due to the decreased immunity (Becker & Gardner, 2012).

rn

In order to assess the seriousness of such problem as alcoholism, it is necessary to comprehend the social damage that it generates. The addiction to alcohol leads to the ruination of families, birth of sick children who may also become alcoholics in the future. The crime rate due to drunkenness has been steadily growing. The prevalence of alcoholism in the modern society leads to its degradation. The number of the working-age population reduces due to serious health problems. The consequences of alcoholism adversely affect not only the person who drinks, but also the whole society and deteriorate the genotype of the entire nation. Therefore, it is necessary to focus on the prevention of this severe disease rather than its treatment.

( parole, pubblicata )
La Camera dei Segreti è stata aperta
Temete, Nemici dell'Erede


Abbiamo visto quali reazioni ha portato il primo messaggio trovato sulla parete la notte di Halloween nei ragazzi, ma non erano i soli ad Hogwarts in quei giorni di paura.

Pensieri, ricordi e timori di chi si è trovato di fronte alla più grave minaccia che la scuola di magia e stregoneria possa ricordare nella sua storia. ( parole, pubblicata )

La vita del secondogenito della Tana e di chi gli sta intorno. Draghi soprattutto!

( parole, pubblicata )
Dodici Natali, dodici diversi episodi. Piccoli quadretti di vita natalizia di diversi personaggi in diversi tempi e situazioni. ( parole, pubblicata )
    • 0
    • 0

Harry sceglie di morire e si ritrova in una dimensione parallela, a undici anni, con i genitori vivi, nuovi amici. E soprattutto, Neville è il Prescelto. Tuttavia fa dei sogni strani, ha delle visioni sul futuro e una cicatrice invisibile gli brucia quando fa male a Neville, con cui sembra essere misteriosamente connesso.

rn

Un viaggio per scoprire chi è e che gli farà fare le scelte giuste

( parole, pubblicata )
Breve serie di drabbles (racconti di 100 parole esatte) il cui unico filo conduttore sono le conseguenze delle proprie scelte. Attenzione: tra i vari drabble non ci sarà continuità di trama, di tempo e nemmeno di pairing. ( parole, pubblicata )
La trilogia di Cristallo Nero è composta da

"Luci e ombre del Cristallo - ovvero - La studentessa" "Forza e resistenza del Cristallo - ovvero - L'innamorata"
"Trasparenza e purezza del Cristallo - ovvero - La compagna"

Questi titoli, apparentemente complessi, hanno delle spiegazioni molto semplici.

Cristallo Nero, sono gli occhi di Piton, ovviamente, profondamente neri eppure intensamente luminosi; ma vi è anche il richiamo al nome di Crystal e, cosa più complessa, il riferimento alle caratteristiche fisiche del cristallo, rapportate a quelle del personaggio di Piton. Luci e ombre, riflesse e assorbite dalle tante facce del cristallo, così come Severus è apparenza di oscurità in fondo alla quale risplende vivida la luce, per chi ha il coraggio di affacciarsi sulla sua anima.

Forza e resistenza sono altre caratteristiche dei cristalli, duri a scalfirsi, ma sono anche le caratteristiche di Piton che, pur nell'infernale situazione in cui si trova, osannato dai Mangiamorte e odiato da coloro per i quali, invece, continua a rischiare la vita, prosegue a fronte alta compiendo ogni giorno il suo dovere.

Trasparenza e purezza, infine, sono due caratteristiche che rendono particolarmente prezioso il cristallo, e qui stanno a significare che, finalmente, anche Piton può togliersi la gelida maschera d'impassibilità e mostrarsi trasparente alla donna che ama e, progressivamente, anche ai vari personaggi della saga e ai lettori, rivelando la reale purezza e integrità della sua anima.

Molto più facile, invece, comprendere la seconda parte del titolo: Studentessa, Innamorata e Compagna sono le fasi attraverso cui passa Crystal che, da impertinente studentessa, tramite la via indubbiamente dolorosa dell'innamoramento, arriva a essere la vera, affidabile e insostituibile compagna di Severus Piton. Per sempre.

 

( parole, pubblicata )

Un doloroso percorso, dalle lacrime disperate di una giovinezza bruciata da una scelta sbagliata, lungo il corso di un'intera esistenza, condannato a vivere senza più poter sognare, fino alla maturità, votata al più completo sacrificio per espiare lontane colpe che ancora sembrano impedire di poter afferrare i sogni.

rn

"L'ultima lacrima"

rn

"Condannato a vivere"

rn

"Sfumature di sorriso"

( parole, pubblicata )
Sinossi: La Battaglia di Hogwarts è terminata, ma non ci sono feste, non c'è gioia nell'aria: sono troppi i morti, anche solo per contarli.
Harry si ritrova davanti a un bivio: cosa fare ora che tutti quelli che ama sono morti?
Una volta fatta la sua scelta, tutto si aspetta, tranne questo.

Note alla serie:
1. Disclaimer: il mondo di HP non è, ahimè, mio, altrimenti molte cose sarebbero andate diversamente.
2. Questa serie parte dallo stesso episodio, Prelude to the Dawn, ma racconta due storie completamente diverse, in cui la scelta di Harry ha conseguenze opposte.
3. Headcanon! Ciò significa che in questa storia seguirò alcune idee che mi sono fatta su alcune cose; essendo un AU, datele quindi per buone.
4. Questa serie si ispira alla storia "Dimensione Parallela" di Nikki Potter, pubblicata su EFP; non è identica, parte in modo simile ma avrà trama e sviluppo completamente diversi.
5. Cross-postata su EFP. ( parole, pubblicata )
Ok, premetto che Denise è una specie di harry potter al femminile, un personaggio che ho creato un po' simile a lui che va sempre a hogwarts ma che non ha grandi avventure, più che altro una vita un po' movimentata ma in altri versi, non certo una lotta contro grandi e malvagi maghi decaduti... non so ancora come si snoderà bene la storia, ma so che Denise avrà comunque sette anni da passare in quella scuola... e in sette anni tutto può succedere ( alias: in 7 anni posso far succedere di tutto... xD ) ok, scherzi a parte, Denise è orfana ( l'ho detto che era simile x certi versi a Harry, che fantasia che ho.. ) e non sa di essere destinata a grandi cose ( a ridaje ... ) e non si aspetta nulla più dalla vita se non un ripetersi all'infinito della sua squallida esistenza di orfana in una casa di accoglienza, sino alla morte ( sta solfa l'ho già sentita... ) , almeno fino a che non arriva una lettera speciale, che le cambierà la vita, per sempre... ( ecco, a questo punto immagino gli sbadigli e tutti quanti che scappano via per non leggere questa fan fic... posso capirvi, ma ho un'obiezione; chi l'ha detto che è la lettera debba essere per forza quella lettera? in fondo i gufi sono tanti, le lettere ancor di più, e i giorni di un anno tanti.. chi ha detto di preciso quando arriverà questa fatidica lettera... oh, ecco, ora sì che siete intrigati... ma vi aspettate che vi dica qualcosa di più? spiacente, ora o leggete o ciccia... beh, buona lettura, allora.. xD ) ( parole, pubblicata )

Questa raccolta comprende tre One-Shot riguardanti la coppia Draco/Astoria.
Sono tre brevi storie che tentano di narrare alcuni momenti della vita di questi due personaggi, a me tanto cari, spiandoli da una finestra sotto una coltre di candida neve.
Nel freddo pungente dell'inverno e della nostalgia, nel caldo fuori luogo degli ultimi giorni di un Agosto nefasto, due anime affini che stanno per "incontrarsi".

Queste tre OS (di cui una scritta dal mio compagno) fanno in qualche modo parte di un proggetto più grande al quale sto lavorando e che spero di poter pubblicare "presto".
Buona lettura.

( parole, pubblicata )
Una serie, appunto, di Drabble che hanno come protagonisti i svariati personaggi e che trattano i diversi generi... dal comico, al drammatico ;) ( parole, pubblicata )
I diari di due sorelle mangiamorte davvero stupide, alle prese con gli avvenimenti del sesto e del settimo libro. ( parole, pubblicata )

Non sempre avere gli stessi obiettivi significa percorrere la medesima strada. Non sempre percorrere la stessa strada significa aver fatto le medesime scelte. Qualche volta un’unica strada può condurre in luoghi differenti.La storia di Severus Piton e Marlene Mckinnon.

rn

Appena ho letto il nome Marlene McKinnon nell'Ordine della Fenice, ho sentito subito che un nome così bello doveva per forza avere una sua storia. Almeno fino a HBP (non ho letto The Deathly Hallows), di Marlene (che per inspiegabili motivi ho sentito da subito come legata a Severus Piton) si sa ben poco, tranne la fine delle sue vicende. E' da lì che per me è partito tutto, dal finale, che ho inizialmente provato a raccontare in "Broken road", one-shot che poteva benissimo rimanere come racconto a se stante.
E invece no! Mi sono fatta prendere la mano e non sono più riuscita a staccarmi da questi personaggi,come sempre mi accade quando si tratta di Severus!
Mancava l'inizio della storia, e così è nato "L'alleanza", poi, pian piano, immaginare Piton negli anni della scuola si è rivelato per me imprescindibile dalla comprensione dell'uomo che è diventato, quindi sentivo il bisogno di immaginare i motivi alla base delle sue scelte, di vederle germogliare e di indagare nel passato il perché delle sue azioni future.
E' ovvio che si tratta solo di ipotesi ma ho cercato di rendere il tutto più verosimile possibile, a livello psicologico innanzitutto. E possibilmente anche più legato che potevo al canon, anche se non ho idea di come TDH farà evolvere le cose. Visto che ancora non riesco a staccarmi da questa storia con Piton e Marlene, vado avanti per la mia strada, sperando che quello che qui immagino non risulti alla luce di TDH completamente OOC! Vedremo!

rn

Non mi resta che augurarvi...buona lettura!(Se siete sopravvissuti alla premessa, of course)

Indice della serie

I - L'alleanza
II - Il bivio
III - Fiducia
IV - Nuove possibilità
(V - in lavorazione...)
Ultimo - Broken road

( parole, pubblicata )
Si tirarono le coperte fin sopra la testa, sdraiate tanto vicine che le loro gambe si intrecciavano. Il respiro di Meddie le solleticava la guancia. Era calda, sua sorella; un caldo piacevole, quel dolce tepore che nessun pupazzo le aveva mai donato. Era viva.
L'Elfa era lontana, e anche il cane. Quella cappa le proteggeva, lì niente avrebbe potuto raggiungerle.
Screeeek.
Tranne quello scricchiolio. Andromeda le prese la mano.
«Saremo sempre insieme, noi due.» le sussurrò Bellatrix, per tranquillizzarla «Un giorno andremo a vivere in una grande casa, con un giardino, e senza nessun rumore.»
La stretta si allentò; Bellatrix intrecciò le proprie dita con quelle di Meddie, impedendole di ritrarre la manina.
«Giuramelo.»
rn«Lo giuro.» mugugnò lei, con un sonoro sbadiglio.
Bellatrix chiuse gli occhi. Per quella notte non sarebbero giunti altri incubi. Non era più sola. ( parole, pubblicata )