MissDragon [Contatta]

Nome reale
Iscritto dal
20/02/08
Status
Membro
Beta-reader
Sito web
[Segnala]
 
Storie di MissDragon

Un compleanno molto rosa di MissDragon

Come si sarà comportata la signora Weasley il giorno del primo compleanno della sua adorata nonchè unica figlia femmina?

“Mamma!”.
“Cosa c'è ancora?” sillabò a denti stretti.
“Sono tantissimi!” fece una voce.
“E sono tutti rosa” fece un'altra.
“Bleah!” commentò una terza.
“Non vi ho chiesto di fare commenti sui festoni, dovete attaccarli e basta”. (2106 parole, pubblicata 10/09/09)
“Signorina Ramirez, non male. Dalla prossima lezione potremo cominciare a lavorare sui passi dei balli da sala. In quanto a lei, signor Potter, sembrava uno scimpanzé ubriaco. I Troll di Barnaba il Babbeo ballano meglio di lei. È una caso patologico… però non abbiamo molto tempo, quindi dalla prossima lezione lavorerà anche lei sui passi. Speriamo che riesca a far fare alla signorina Ramirez una figura decorosa, anche se con un cavaliere come lei ne dubito fortemente…” li giudicò il Maestro schifandosi della totale negazione di James per il ballo.
“La signorina Ramirez una bella figura? Qui sono io che devo fare una bella figura, non lei” si infiammò James.
“Grazie tante! Che gentile…” gli disse lei stizzita.
“Non che voglia offenderti Luz, ma la gente starà a guardare me, non te. Sono io qui quello che rischia di rimetterci la reputazione”.

Il sesto anno a Hogwarts di James Sirius Potter, tra Tornei, lezioni di ballo e amori inspiegabili. (30531 parole, pubblicata 06/04/08)

Storia partecipante alla VI edizione del concorso di Acciofanfiction: Momenti Mancanti da I Doni della Morte.

Capitolo di riferimento:Il Testamento di Albus Silente, capitolo 7.

"Cosa diavolo stai facendo?". Ron era inginocchiato davanti alla camera di Ginny, con un orecchio attaccato alla porta e l'altro coperto con un mano per cercare di soffacare i rumori provenienti dalla cucina. Hermione si mise la mani sui fianchi e gli lanciò un'occhiataccia, di quelle riservate a quando lo sorprendeva a finire i compiti la mattina stessa in cui li doveva consegnare: un'occhiata quindi molto, molto arrabbiata, che avrebbe intimorito anche il peggiore dei Mangiamorte.

(1299 parole, pubblicata 13/08/08)
Parlare con Evans dell'argomento 'Uscire Insieme' non richiedeva molta attenzione... in fondo era la quattrocentotrentaquattresima volta e le precedenti erano sempre state tutte uguali. Avrebbe potuto sostenere quella conversazione - se così si poteva chiamare - anche mentre dormiva, tanto era abituato.
Adesso era pronto a sentire un 'No' secco, oppure qualche originale variante tra cui "Quando Silente si tingerà i capelli di rosa" o "Quando imparerai l'uso del pettine". (2919 parole, pubblicata 03/08/08)
"...un sorriso gentile, semplice, non uno dei suoi soliti gnigni o una delle sue tante smorfie per prenderla in giro. Era un sorriso sincero, un sorriso che non gli aveva mai visto rivolgere a nessun altro, un sorriso che gli illuminava gli occhi, un sorriso speciale, solo per lei."



Sembrava un piccolo gesto, ma era molto, molto di piu'. (422 parole, pubblicata 28/07/08)