Lunghezza: Oneshot (1000-?)
Altri risultati: 36 Serie
Storie

"1 novembre 1985.                                                                   Sono ormai tre anni che vengo qui per officiare una cerimonia tutta mia. Non voglio che qualcuno mi accompagni, nessuno può accompagnarmi, nessuno capirebbe. A chi potrei dirlo? Non ho più amici, i miei veri amici. Da quattro anni."

Oh my friends, my friends forgive me
That I live and you are gone.
There's a grief that can't be spoken.
There's a pain goes on and on.
Phantom faces at the window.
Phantom shadows on the floor.
Empty chairs at empty tables
Where my friends will meet no more."

Remus Lupin e un doloroso anniversario.

(1653 parole, pubblicata 24/09/13)

Ma negli ultimi tempi e con quello che stava accadendo, Angelina sentiva il bisogno di sicurezza, di avere un progetto per il futuro che andasse ben oltre il sopravvivere, e sempre più spesso s’era chiesta se Fred fosse capace di darle quel di più che abbisognava in quel momento...
{Prima classificata al contest "Time to say "I do". Accio, wedding ring! " di _Piratessa}

(1177 parole, pubblicata 18/09/13)

"Sono davvero un mostro? Ho fatto qualcosa di orribile e imperdonabile? Non lo so. È così sbagliato sognare una vita diversa? 
È così sbagliato sognare di vivere accanto all'uomo che si ama?"
Gli ultimi istanti di vita di una ragazza che sognava una vita piena d'amore, ma che ha visto il suo sogno scontrarsi con la realtà.
Sulle note di "I dreamed a dream" dal musical Les Misérables.  

(1326 parole, pubblicata 26/06/13)

C'era un castello, ma aveva visto giorni migliori.
C'era un vecchio, perennemente occupato nel cercare tarasacchi e nel cantare canzoni popolari.
E c'erano due ragazzi.

(2307 parole, pubblicata 12/09/13)

"Nei momenti di rabbia, quando lo sconforto prendeva il sopravvento anche sulla ragione obbligata a rimanere lucida e sotto controllo perenne, in quei momenti il mago si sentiva come un naufrago alla deriva, in balia di onde mostruose e nere come la pece, solo e sperduto in un oceano di preoccupazioni, senza più la sua stella polare a guidare la sua rotta. Era allora che il ritratto interveniva."

(1918 parole, pubblicata 22/08/13)

"Hai desiderato per tutta la vita essere guardato con occhi diversi, Severus."

(3018 parole, pubblicata 16/08/13)

Il foglio bianco che rimane ostinatamente vuoto, il nemico che ogni fanwriter si ritrova prima o poi ad affrontare, parecchie idee originali che si sono date alla latitanza ed allo sciopero, la testardaggine di una scrittrice in erba che desidera a tutti i costi regalare un sorriso a Severus Piton. Chi vincerà?

(2389 parole, pubblicata 04/07/13)

Coraggio di pingui79

Il senso di una vita può essere racchiuso in otto semplici lettere.

(1232 parole, pubblicata 04/07/13)

Ombre di pingui79

"Questo posto è intriso di ombre e ricordi, sì."

(1590 parole, pubblicata 28/04/13)

Uno sguardo nero e profondo perso nel passato e nel dolore. Un amore ostinato che finalmente comprende.

(1065 parole, pubblicata 25/04/13)

Red notes di Rowena

Affrontare la novità della maledizione non è semplice, per un Licantropo morso da poco e Remus Lupin lo sa meglio di tanti altri. (5664 parole, pubblicata 27/02/13)

Severus' View di mimi_snape

E' il 31 ottobre 1981. Severus Piton arriva a Godric's Hollow con una flebile speranza nel cuore

(663 parole, pubblicata 05/04/13)
Minerva McGranitt è stata ferita e portata al San Mungo cercando d'impedire che gli Auror portassero via Hagrid. Albus Silente è ancora latitante dopo essere scomparso da Hogwarts, vorrebbe raggiungerla ma non sa come. E la tragedia del Ministero sta per abbattersi su tutto l'Ordine della Fenice. (2303 parole, pubblicata 27/02/13)

Le parole del cuore di Ida59

Cinque poesie per narrare il dolore di una vita… e cogliere l’amore.

(2350 parole, pubblicata 14/04/13)

Dalla storia: "«ORA BASTA! » Gridò Draco, quasi paonazzo in volto, con una mano sulla bocca dell'elfo e la bacchetta nell'altra. «Facciamo quello che dico io, cioè apriamo quella porta, ci smaterializziamo a Diagon Alley e lì decideremo cosa fare.» Poi, sotto gli sguardi perplessi di tutti, si rivolse all'elfo.

«E per quanto riguarda te, sei libero tutto il giorno. Non avremo bisogno dei tuoi servigi,» Lucius, di sottofondo, non riuscì a reprimere un verso ironico «fa quello che vuoi. Chiaro?!»

(3870 parole, pubblicata 05/03/13)